• Leonardo Ciasca, Davide Spagnolo

Lugano, Lu gattu | Day 3

Sono servite una mano, due orecchie e quattro voci per raccontare l'ultimo giorno in Svizzera dei Cinghiali Salentini, e nonostante questo non ci abbiamo capito niente. Abbiamo quindi deciso di condividere con voi l'esperienza mistica del loro audioracconto.

Quattro cinghiali allo sbaraglio (sottotitolo: 3 uomini e un sorriso)

Franchino: “Carissimi Cinghiali, in questa trasferta a Lugano chiaramente il divertimento non è mancato e il posto era veramente bello. I risultati non sono mancati per gran parte della squadra, per altri purtroppo non è andata così bene”


Marino: “Marino in Silver”


Franchino: “perché devo specificare?”


Marino: “Cinghiali, vi spiego tutto. Oggi ho regatato in Silver, purtroppo. Sono partito in barca comitato mure a sinistra e sono stato primo fin dall'inizio, fino a quando la mia scotta non si è attorcigliata intorno al bozzello, bloccandosi. Sono comunque riuscito a chiudere la prova terzo, ma per qualche arcano motivo la giuria mi ha declassato al quinto posto”


Don Matteo: “Oggi ho fatto la mia prima regata in Gold, però per favore non lo specificate” (e invece lo specifichiamo, bravo)


Marino: “Invece io ho fatto la mia prima regata in Silver e voglio che si sappia”


Don Matteo: “La mia prima Gold è andata veramente male, fino alla prima bolina ero nei primi 20, nella seconda bolina ho deciso di spararmi un bordo a sinistra, verso terra, ma uno scarso quando ero in layline mi fa chiudere penultimo”


Franchino: “Dal punto di vista del risultato il sottoscritto ha fatto veramente una prova pessima, sbagliando completamente tutto quello che si poteva sbagliare, fortunatamente ho potuto scartarla rimanendo -all'incirca – nella stessa posizione di ieri."


Mario: “Di me sa già tutto, abbiamo parlato ieri”


Franchino: “Mario ha fatto un’ottima partenza dalla barca giuria, poi la scotta si è attorcigliata nel giubbotto salvagente per qualche secondo. Ha chiuso comunque undicesimo in Gold, complimenti.”


Siete confusi? Bene lo eravamo anche noi! Fortunatamente il nostro staff è riuscito a dare un nome alle diverse voci:


Andrea Mariano è "Marino"

Andrea subito dopo la protesta e la successiva squalifica

Matteo Casavola è "Mario"

Mario appena si è reso conto di essere in gold


Francesco Nicolì è "Franchino"



Essere allenati da Coachfranco vuol dire anche avere rigide regole sul profilo


Ed infine l'indimenticabile Gianpaolo Gusella nei panni di "Don Matteo".


Volete sapere il perché? Eccolo:

Il finale ve lo lasciamo immaginare.



22 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

*Disclaimer

Questo sito - da maggio 2017 organo di comunicazione a livello zonale riconosciuto da FIV e AICL - è nato ed esiste per gioco,

con lo scopo di raccogliere storie, dati ed emozioni della flotta pugliese più nutrita e variegata, con oltre 100 atleti dai 13 ai 70 anni.

Ormai una Famiglia.

(C) 2017

Dedicato a Luciano, Gianpiero e Mirko