February 13, 2019

February 12, 2019

Please reload

Post recenti

WC 2019 | Sakaiminato, Giappone, Radial Femminile

July 26, 2019

1/7
Please reload

Post in evidenza

Pagelle Italia Cup Master - Lecce

July 4, 2019

Il National Geographic l’ha eletta regione più bella del mondo e sono dello stesso parere anche la Lonely Planet e il New York Times per le masserie e i trulli, per il mare e gli aperitivi in spiaggia, per la comunità hippie di Cisternino e per il barocco Leccese, per le ceramiche storiche, per le orecchiette con le cime di rapa, i taralli e l'olio. Da qualche anno c'è anche un valore aggiunto: le pagelle del Vate Liuni!



 

    1.     Pisanelli: il primo giorno di non regata arriva come al solito con quel suo fare dimesso al limite del dolorante,  scarsamente credibile . Il giorno dopo si scatena a mare con una doppietta di primi posti e un secondo , confermando il suo stato di forma eccelso . L’unica sua nemesi è il Leo toscano con accento marcatamente barese., con il quale si scambia numerosi complimenti affettati e sinceri , da coppia gay in fase di innamoramento. Resta il migliore e difficilmente, a meno di silurarlo, in questo periodo è avvicinabile . Voto 9 1/2 : MATTATORE

 

    2.    Dinelli : altro fenomeno della classe  Laser, per incutere timore sul suo ottimo stato di forma fisica e psicologica , nella giornata inaugurale rinviata per eccesso di vento , sfodera un body surf dichiarando la sua volontà di cavalcare la grande onda . Pare abbia alla fine usato l’attrezzo come tavolino per una Peroni con provolone e mortadella. Nella seconda giornata è molto tonico e si getta alla caccia del suo partner segreto Pisanelli , spuntandola ad una prova . In fine regata si diletta a dare perle di saggezza ai due figli accorsi per omaggiarlo del suo secondo posto  . Voto 9: BODYNELLI


    3.    Martina : visibilmente stressato per l’organizzazione della regata e con vari soggetti ribelli da gestire , nel pre regata sfodera espressioni a metà strada tra il Nicholson di Shining e il personaggio di Misery non deve morire . Ma sceso in acqua la calma olimpica che lo contraddistingue si impadronisce di lui e conduce tre belle prove in costante controllo sugli avversari . Dichiara in fase di premiazione la sua indignazione sincera ma amica nei confronti del Pirata Corsini , chiaramente turbato dell’abbandono dell’amico di merende . VOTO 9- : TURBO MARTINA 


    4.    Liuni: quando vede i venti nodi finalmente sul campo di regata gli occhi gli si illuminano e va ad accendere un cero a San Nicola per far si che si regati . Ha come compagno “martello pneumatico” Semeraro , che lo aggiorna minuto dopo minuto sull’evoluzione del vento provocandogli non poche defaillance mentali per tentare di seguirlo nei suoi ragionamenti . Ma il fato gli è contro , il vento aumenta troppo e quando capisce  che il comitato rinvierà  la regata,  si va a buttare nel mare di Alimini  lasciando che il suo corpo venga trascinato nei flutti, ponendo fine in modo norreno alla sua vita velica . In regata approfitta degli ocs e con opportunismo cerca di sfruttare le sue poppe, uniche andature in cui è capace di fare qualcosa . VOTO 7: BECERO APPROFITTATORE   


    5.    Indellicati : la leggenda del Laser in ottimo stato fisico arriva sul campo di gara con quel suo inconfondibile  aplomb da lord inglese . Non risparmia battute provocatorie e intimidatorie nei confronti dei suoi amici avversari , lanciando una sfida al Liuni , dichiarando di volersi appropriare della sua medaglia di categoria nel caso di sorpasso . Durante le prove è sempre nel mezzo e lo si distingue dalla sua postura semi eretta aggressiva e dalle sue frasi in corso di regata per indebolire la fiducia in se stessi dei suoi avversari . Nella prima  poppa della terza prova ingaggiato con Liuni e Laforgia e dovendo con quest’ultimo risolvere una questione antica su torti sconosciuti subiti , chiede al Liuni di farsi da parte per regolare la questione con l’avversario . E crudelmente porta a compimento la sua missione . VOTO 8 1/2 :  SUPER MIMMO CATTIVISSIMO ME 


    6.    Semeraro : il Capitano,  incrocio tra un orsacchiotto della Duracell sempre in movimento , una stazione meteo Marina parlante e un bullo della peggior specie nei confronti dei suoi compagni , inizia la propria trasferta vessando il Liuni nell’assistenza notturna del venerdì sera alla lega navale Monopoli per cercare la falla della sua nuova barca, che tanto lo ha spossato turbandogli le sue già scarse ore di sonno durante tutta la settimana . Con occhi cerchiati e pallati , esamina e risilicona l’intero scafo . Risilicona anche un dito che Liuni improvvidamente frappone tra lui e uno dei presunti punti di acqua . Partito alla volta di Alimini verso l’abitazione messa a disposizione dal Liuni, non disdegna durante il percorso di chiamarlo tra le quaranta e le cinquanta volte per aggiornarlo su argomenti di ogni tipo : dal maremoto di Messina del 1907 , passando per la battaglia di El Alamein , per concludere con dissertazioni su dove e con chi cenare la stessa sera . Più i giorni passano e più si carica tanto che alla prima prova in eiaculatio molto precox incassa un ottimo UFD insieme al trio lescano composto da Jack Sparrow Corsini , Lord Fontleroy Mairo e Al Capone Laforgia . Ad ogni modo si riscatta nelle altre due prove conseguendo anche un terzo posto nell’ultima prova , brandendo al traguardo la sua catenella d’oro stile Gomorra ed esultando a terra  con guaiti irripetibili , quando verifica che la sua barca non fa più acqua . Voto 8 + : MAGMATICO 


    7.    Mairo: personaggio di altri tempi con espressione impenetrabile a metà strada tra un intellettuale bolscevico e un serial killer. Il primo giorno disdegna la sua presenza essendo sicuro del fatto che non si regaterà, si presenta il secondo con barba in ordine, ma senza la sua inconfondibile pettorina / gilet giallo fosforescente , memore degli irriverenti sfottó subiti in precedenti regate da parte dei primitivi che lo circondano. Comunque rimane sempre un signore prendendosi anche lui un UFD per gentleman agreement con gli altri avversari, che sostano per un torneo di bridge sul controstarter. Non batte ciglio , qualcuno lo vede anche prepararsi un the durante le prove ed inanella anche lui un bel terzo posto alla seconda prova . Braccato di poppa alla ultima prova da un Liuni concitato e sudorante, non si scompone un attimo precedendolo con nonchalance e tagliando il traguardo con il capello phonato. A fine regata dismessi i panni del regatante , veste quelli di regista alla Quentin Tarantino , per riprendere il momento splatter della verifica da parte di Semeraro delle perdite di Acqua della sua barca .  VOTO 8: LORD FONTLEROY 


    8.    Corbari : nuovo acquisto Master del Circus  Laser, già conosciuto nell’ambiente dai vari loschi figuri che lo animano . Viene costretto a partecipare dalle minacce dei suoi compagni di circolo,  che pare gli abbiano sequestrato l’intera famiglia. Anche lui come Fontleroy Mairo appare solo al secondo giorno con quello sguardo ascetico e perso negli orizzonti della qualunque . Nel pre regata supplica il Liuni di redigere le pagelle , confessando essere l’unico motivo che lo ha spinto a regatare in un ambiente così rude e primitivo quale è quello dei laseristi . Nelle prove si distingue alternando buone boline e poppe , a improbabili bordi dettati più da improvvisi emboli che colpiscono il suo sistema cerebrale, che da ragionamenti tattici . Il suo abbigliamento è in costante evoluzione , passando dalla prima sua apparizione da palombaro degli inizi degli anni venti alla attuale dove sfodera una muta con inserzioni multicolor da pappagallo brasiliano . Ad ogni modo in costante progresso in tutti i campi si accoda in classifica a soggetti epici con tenacia . VOTO 7 1/2 : GALVANIZZATO 


    9.    Filotico: altra leggenda Laser , si dice abbia costruito il prototipo insieme a Kirby e Indellicati . Lo riconosci sul campo di regata , da un cappello di altri tempi a tesa larga in stoffa a metà strada tra Indiana Jones e Lawrence D’Arabia . Nonostante la sua lontananza dai campi di gara pare risalga alla seconda crociata, difende il suo onore con costanza e diventa amico dell’onnipresente delegato Ciasca che lo prenota per i prossimi 700 eventi . VOTO 7+ : RESUSCITATO 


   10.    De Rhegzy : altra new entry del Circus, molto discreto al punto da non intrattenere alcun discorso con i chiassosi e involuti compagni avversari, viene svantaggiato dall’utilizzo di un Laser modello FORD T degli anni 30 , che comunque porta egregiamente . Incrociando a tratti.  la sua prua con il Resuscitato Filotico e Galvanico Corbari, porta a casa un discreto risultato sopravanzando Al Capone Laforgia . VOTO 7:  DISTACCATO


    11.    Laforgia : personaggio mitologico della classe si distingue per il suo approccio deciso e minaccioso alternato a momenti di delicatezza assoluta stile Candy Candy. È talmente minaccioso e aggressivo che decide di tallonare sul controstarter Jack Sparrow Corsini e nell’agone della battaglia navale lui , Sparrow, Duracell e Fontleroy abbracciano mortalmente uno dei più commoventi UFD di gruppo che la storia ricordi. Ad ogni modo sempre sul pezzo ingaggia numerosi combattimenti con Palombaro Corbari, scambiandosi le posizioni nelle ultime due prove . Memorabile lo scontro all’OK Corral della poppa della terza prova con Cattivissimo Me Indellicati . Se non ci fosse Al Capone Laforgia ,  bisognerebbe inventarlo . VOTO 7 - : INSOSTITUIBILE 


    12.    Corsini : assente agli ultimi contest velici pare perché impegnato nella ristrutturazione del suo vascello pirata , si presenta sul campo di gara con una aggressivissima bandana nera, associata ad una maglia color rosso sangue . E le intenzioni sanguinarie si vedono da subito quando si scaglia con veemenza verso la boa del controstarter , trascinando in un groviglio inestricabile anche i corpi dei già citati contendenti Al Capone, Fontleroy e Duracell. Chiude primo alla prima prova , ma allo sbigottimento subito per la notizia dell’UFD, segue la mutazione genetica verso l’incredibile Hulk che alla seconda prova fa si che, con grida disumane, abbandoni il campo di gara e vada a regatare da solo con sguardo trasfigurato in un immaginario campo di regata allestito per l’occasione . Da quel giorno non si hanno notizie di lui; sembra che regati insieme a Elvstrom , Tabarly e Sir Chichester in un mondo velico parallelo . VOTO 6 1/2 : TELETRASPORTATO


    13.    Iampieri : aspettiamo un suo ritorno . S.V. 

 

Ciasca Delegato Zonale : arriva il primo giorno programmato per l’inizio regate  come un pappone anni 80, con occhiale alla Carlitos Way del già noto Al Pacino , postura alla John Travolta in Arancia Meccanica e Spyderino Alfa da Padrino . Ad accoglierlo Duracell Semeraro e Becero Liuni,  che contenti del suo arrivo lo bersagliano con epiteti di ogni genere . Noncurante dei due bulletti, si interfaccia con tutta l’organizzazione dal Comitato di regata che ad un certo punto gli chiede di fabbricare seduta stante una bandiera Alfa mancante , al comitato organizzatore con un Martina in vistosa crisi epilettica . Ma il delegato è abituato a ben altri ritmi ed al contempo pare che riesca a piazzare anche qualche colpo sul ricco mercato delle scommesse del suo Fantalaser di fama internazionale . Non appena apprende che non si faranno regate rifiuta l’invito dei compagni Semeraro e Liuni per precipitarsi ad una serie di eventi itineranti che da Gallipoli , lo portano successivamente a Taranto e Conversano. Il giorno successivo di presenta nonostante tutto con viso riposato e fresco come una rosa e si imbarca prima su un gommone del comitato di regata e successivamente sulla barca giuria stessa . Fa di tutto : segna i numeri degli UFD , porta conforto ai bisognosi , spende parole buone per i delusi , da indicazioni sulle oscillazioni presunte del vento e per finire si presta a fare da marinaio provetto nel salpare l’ancora . Non può mancare la sua istituzionale presenza alla premiazione . VOTO 9 1/2 : ONNIPRESENTE

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici
Please reload

Cerca per tag
Please reload

Archivio
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

*Disclaimer

Questo sito - da maggio 2017 organo di comunicazione a livello zonale riconosciuto da FIV e AICL - è nato ed esiste per gioco,

con lo scopo di raccogliere storie, dati ed emozioni della flotta pugliese più nutrita e variegata, con oltre 100 atleti dai 13 ai 70 anni.

Ormai una Famiglia.

(C) 2017

Dedicato a Luciano, Gianpiero e Mirko