February 13, 2019

February 12, 2019

Please reload

Post recenti

WC 2019 | Sakaiminato, Giappone, Radial Femminile

July 26, 2019

1/7
Please reload

Post in evidenza

2.2017 | Taranto, Radial

March 13, 2017

Ingaggi suicidi, partenze da pazzi, scuffie fantozziane e tanto altro, questo è successo domenica scorsa. Chi accorrerà in soccorso della povera gente che non si è potuto godere tutto questo? Ecco quindi, direttamente dalle coste Iberiche Davidino con i suoi giudizi.


Ma bando alle ciance è lasciamo spazio alla voce narrante della regata Radial.

                 

      
NOTARANGELO ADRIANO: parte subito bene e unisce prestanza fisica a tattica e tecnica. Annoiato dal tanto vantaggio inizia a dare nomi alle nuvole in cielo. IMPRENDIBILE 8,5  

 

MARASCO ANTONIO: cinghia come un matto e porta a casa un secondo. All'ultimo lasco della seconda prova si ricorda della regata e fa un recupero che Barcellona levati lesto. SCUGNIZZO NAPOLETANO 7,5

 

SPAGNOLO DAVIDE: Prima prova non eccezionale ma si rifa nella seconda alla faccia degli scettici che non l'hanno preso al fanta. Stringe i denti e cinghia, nella seconda prova incitato da capitan Semeraro e il prode Ciasca si guadagna un notevole vantaggio sul terzo gettato al vento nell'ultimo lasco e rientrando riesce anche a scuffiare vicino lo scivolo. IL CINGHIALINO 7 

 

CARRATTA ALBERTO: L'ormai antagonista di Mr.P punta in alto viste le assenza dei suoi compagni e di Nicolì, ormai punta di diamante del CC INTRA, grazie alle energie del famoso tiramisù di mamma Carratta riesce a regatare insieme ai primi. Perseguitato dalla sfiga nella seconda prova vede lo stopper della deriva volare e perde due posizioni nel finale. IELLATO 7,5

 

ZITO ANTONIO: il curioso caso di Benjamin Zito regia di Andonio Zito. Ammette che se dipendesse da lui farebbe 4.7. A causa della sua veneranda età e la panza da birra soffre il vento ma si salva grazie alla sua esperienza. SALUTA ANDONIO 7,5

 

LUCENTE ALESSANDRO: parte sempre bene e ad un certo punto è primo, ma a causa di Notarangelo gli unici primi che vedrà sono quelli di pasta al forno, purtroppo un brutto salto di vento lo fa catapultare intorno alla 7 posizione nella quale chiuderà la prova. FENOMENO 7

 

TAMBORINO FRISARI VINCENZO: prima prova spettacolare, dove piazza un terzo tanto sudato, nella seconda si perde un po per strada ma riesce a chidere settimo in generale. Migliora di regata in regata e siamo sicuri che presto si contenderà una posizione la sopra. LA CONFERMA 7,5

 

AVVENTO LUCA: un po timido in partenza e costretto a inseguire, si mantiene costante chiudendo con un nono e un settimo. L'AMICO DI MR.P 6,5

 

SUSCA ERICA: si conferma prima femminile nonostante non siano le sue condizioni preferite e rimane concentrata fino a quando la barca non tocca terra. ZEN 6

 

DELL'ANNA DAVID: anche lui appena passato in radial soffre un po, ma compensa con tecnica e tattica. Grazie al suo immancabile spray top verde si e guadagnato un ruolo nel film Power Ranger insieme all'ormai affermato Matteo D'Andria. L'ATTORE 6,5

 

 

MENZIONI SPECIALI 

 

 

 

CASTRIOTA SCANDENBERG ALESSANDRO: non riesce ad entrare nei dieci a causa di un problema col boma ma non si puo non menzionarlo. A terra lo scambiano per il pulmino di negrinautica chiedendogli qualsiasi attrezzatura, e lui mosso da un immenso altruismo le presta a tutta la zona (tanto erano del fratello). Nella seconda prova lotta con Carratta e alla fine la spunta. Ad un certo punto di bolina inizia a gridare cose incomprensibili a non si sa chi. IMPREVEDBILE 7

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici
Please reload

Cerca per tag
Please reload

Archivio
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

*Disclaimer

Questo sito - da maggio 2017 organo di comunicazione a livello zonale riconosciuto da FIV e AICL - è nato ed esiste per gioco,

con lo scopo di raccogliere storie, dati ed emozioni della flotta pugliese più nutrita e variegata, con oltre 100 atleti dai 13 ai 70 anni.

Ormai una Famiglia.

(C) 2017

Dedicato a Luciano, Gianpiero e Mirko